PSICOLOGIA
“CIBO PER IL CORPO E CIBO PER LA MENTE” PER UN GIUSTO EQUILIBRIO

Relatore: LAURA MARINELLO – CINZIA PERINI

Esiste una differenza tra l’alimentarsi e il nutrirsi, averne la consapevolezza aiuta la persona a mantenersi in salute.
Gli studi scientifici ci dimostrano che la salute si costruisce a tavola e che è fondamentale dare la giusta importanza a una dieta varia ed equilibrata, assumendo in modo bilanciato i vari nutrienti.
Possiamo considerare il nostro corpo una macchina perfetta, ogni cellula, organo, tessuto, ha una precisa funzione che permette a tutto l’organismo di funzionare nel miglior modo possibile. Il cibo, oltre a soddisfare i bisogni nutrizionali, soddisfa altre necessità che nascono da esigenze emotive. Se il cibo viene utilizzato come surrogato nei momenti di insoddisfazione, probabilmente sarà un cibo di cui non si avverte nemmeno il sapore, un cibo che non sazia e che viene portato alla bocca in preda a un riflesso condizionato.
Il fatto che mangiare ci dia così tante sensazioni piacevoli fa sì che abbiamo qualche difficoltà a rinunciare a qualche stuzzichino fuori pasto anche quando non sono necessari, è quello che viene chiamato “peccato di gola”, si mangia solo perché piace anche se non si ha fame.
“È praticamente finita l’era del “mangio ciò che voglio”, perché una cattiva alimentazione è pericolosa quanto il fumo, sebbene non ci sia la stessa consapevolezza nell’assumere abitudini alimentari sbagliate”. (Umberto Veronesi e Mario Pappagallo)